Grado e dintorni

È conosciuta come Isola del Sole perché gli otto chilometri della sua spiaggia sono tutti esposti a sud garantendo ai suoi visitatori lunghe giornate soleggiate e un piacevole microclima.
Nei dintorni di Grado è possibile visitare la Basilica di Sant’Eufemia all’isola di Barbana oppure Aquileia, città Patrimonio dell’Unesco, e molto altro.

Il Mare, la Laguna e la Storia​

La laguna di Grado: un’ampia area formata da isole ed isolotti che si affacciano sul mare aperto, in un paesaggio sospeso tra terra e mare, molto suggestivo e affascinante. La laguna di Grado è di grande interesse geologico e naturalistico ed è adatta per escursioni in barca o in motoscafo attraverso gli isolotti che la compongono detti anche Barene e Banchi.

Su di essi spesso si trovano i Casoni, le tipiche abitazioni dei pescatori, e costruzioni in muratura più grandi come sull’Isola di Barbana. Molte delle isole che formano la laguna di Grado sono infatti abitate, l’Isola di Barbana per esempio è sede del Santuario dedicato alla Madonna; la leggenda vuole che nel 582, dopo una violenta mareggiata che aveva distrutto la città di Grado, si vide galleggiare nell’acqua una statua della Madonna che andò a posarsi nell’isola di Barbana.

La Città Vecchia e il Centro Storico

Le vicende storiche di Grado risalgono all’epoca romana quando sorse come porto e scalo di Aquileia con lo scopo di proteggerla dalle invasioni provenienti dal mare.

Il centro storico attuale è l’effetto del Castrum costruito ne lIV secolo a scopo difensivo e provato durante le invasioni barbariche.

Dopo numerose controversie sull’appartenenza della città, nel 1892 Grado passò sotto l’Imperatore Francesco Giuseppe.
Grado ricevette lo status di Stazione Balneare e di Cura e solamente dopo la fine della I Guerra Mondiale venne riannessa all’Italia.

Santuario dell'isola di Barbana

Il fascino spirituale dei santuari è spesso amplificato dagli splendidi paesaggi offerti dalle località che li ospitano: è così anche per la piccolissima isola di Barbana, nella laguna di Grado, dove si trova questo santuario mariano di antichissima origine, oggi sede di una comunità di Frati Minori Francescani.

Aquileia

Situata a 12 km troviamo questa città Patrimonio dell’Unesco per l’importanza della sua area archeologica e la bellezza dei mosaici pavimentali che custodisce. Tra tutti, il più grande e conosciuto è quello della basilica di S. Maria Assunta, risalente al IV secolo, ma a questo se ne aggiungono altri che fanno di Aquileia una sorta di capitale del mosaico romano d’Occidente.

Aquileia è stata un’importante città dell’Impero romano e poi principale centro per la diffusione del Cristianesimo nell’Europa del nord e dell’est; per saperne di più  consigliamo una visita al Museo Nazionale Paleocristiano e il Museo Archeologico Nazionale.